Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2017

Allerta per i 3 malori di Lunedì 20 Febbraio a Borgotaro: sospetto il mal odore della ceramica? Ma per il Sindaco e Ausl nell’aria non c’è traccia di veleni.

Immagine
Casualità, autosuggestione o una “bravata carnevalesca”? Resterà forse e per sempre un mistero il malore collettivo che ha colpito un bimbo di pochi anni, un ragazzo venticinquenne ed una donna quarantunenne questo lunedì a Borgo Val di Taro. Ma andiamo con ordine, leggiamo l’articolo completo di RTA Videotarosull'accaduto;
“NEL TARDO POMERIGGIO DI LUNEDI' UN GIOVANE DI 25 ANNI, MENTRE STAVA CORRENDO CON UN AMICO, IN VIALE LIBERTA', A BORGOTARO, E' STATO INVESTITO, ALL'ALTEZZA DEL PONTE SUL TORRENTE TARODINE, DA UNA ZAFFATA VIOLENTA DI ODORE ACRE, FORTISSIMO, LO STESSO CHE DA MESI, ORMAI, SI SENTE PER TUTTA BORGOTARO, E NON SOLO. UN ODORE CHE LO HA COLPITO ALLA GOLA. “E' COME – CI HANNO RIFERITO – SE IN BOCCA GLI FOSSE ENTRATA DELLA SABBIA. NON C'ERA, MA LA SENSAZIONE ERA QUELLA”. IL RAGAZZO NON SE L'E' SENTITA DI PROSEGUIRE ED HA DECISO, SEMPRE CON L'AMICO, DI TORNARE INDIETRO. MA, SULLA VIA DEL RITORNO, IN PROSSIMITA' DEL PIAZZALE BATTAGLION…

Molestie olfattive: c’e’ reato anche se l’impianto e’ autorizzato

Immagine
Il codice penale prevede reato qualora le emissioni di un impianto produttivo provochino odori tali da arrecare gravi molestie al residenti, pur se autorizzato e in regola con i parametri di concentrazione dei composti chimici volatili. "Con la sentenza n. 12019/2015 la Cassazione ribadisce che, con riferimento all'emissione di odori molesti, per la sussistenza della contravvenzione di cui all’art.674 cod.pen. (getto pericoloso di cose) , non rileva che la condotta del singolo abbia determinato o meno il superamento di eventuali valori soglia fissati dalla legge o da singole autorizzazioni rilevando, ai fini della sussistenza del reato, che tali odori superino la normale tollerabilità. Circostanza che, non esistendo una normativa statale che preveda valori limite in materia di odori, può essere accertata anche sulla base di testimonianze."
Vincenzo Paone Dal 1979  in magistratura, attualmente svolgo la funzione di Sostituto Procuratore della Repubblica in Asti. Mi sono s…